Firma la petizione, non essere indifferente

Ogni domenica i cristiani della Nigeria muoiono a causa della loro fede.

Solo una vasta mobilitazione dell’opinione pubblica è in grado di spingere le più alte istanze europee e internazionali a contrastare quest’odio assassino.

>>> FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE <<<

Sottoscrivi la petizione anche via mail scrivendo a petizione[at]mauriziolupi.it o via FAX 06/67608151

NON ASPETTARE LA PROSSIMA DOMENICA

Annunci

India: con gli Indù al governo i cristiani sono ancora più colpiti

“Gli attacchi contro i cristiani sono aumentati e tutte le minoranze religiose dello Stato si sentono minacciate”. Questo è ciò che dice ad AsiaNews Sajan K George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), a due giorni dalle nuove elezioni in Karnataka.

Leggete “Karnataka, leader cristiano: Con i fondamentalisti indù al governo, cresceranno le violenze” via asianews.it

Papa Francesco: “Cristiani più perseguitati oggi che nei primi secoli”

La riflessione di papa Francesco nel corso della messa nella Casa Santa Marta domenica 5 maggio 2013:

Ci sono «tante comunità cristiane perseguitate nel mondo in questo tempo più che nei primi tempi: oggi, adesso, in questo giorno e in questa ora». Ma anche di fronte a questo dobbiamo rimanere miti e umili per sconfiggere le lusinghe e l’odio del mondo.

Leggete l’articolo completo su Vatican Insider.

FIRMATE LA PETIZIONE PER DIFENDERE I CRISTIANI DELLA NIGERIA

Reportage fotografico in Nigeria

Reportage fotografico dal nord della Nigeria pubblicato da Il Sole 24 Ore

Nigeria: bilancio di oltre 70 chiese distrutte nello Stato di Benue

Nigeria centrale: nella crisi sociale e religiosa che attraversa la regione, oltre 70 chiese risultano distrutte, e migliaia di fedeli, specie in villaggi remoti, restano senza un luogo di culto. Lo riferisce, in una nota inviata all’agenzia Fides, Felix Apine, coordinatore della commissione “Giustizia, Sviluppo e Pace” della diocesi di Makurdi, capitale dello stato di Benue. La nota informa che 30 chiese che si trovavano nell’area di Gwer occidentale sono state bruciate o completamente distrutte, e i fedeli sono fuggiti in altri villaggi. Altre 40 risultano rase al suolo nella zona di Guma. La distruzione tocca anche alcune scuole primarie e secondarie appartenenti alla diocesi, mentre volontari e catechisti stanno perlustrando le diverse aree per appurare i danni.

L’arcivescovo cristiano protestante Yiman Orkwar, presidente della “Associazione cristiana della Nigeria”, confermando la distruzione di chiese e scuole, ha detto che il bilancio degli edifici distrutti potrebbe ancora salire. Nello stato di Benue, allevatori di etnia Fulani, in gran parte musulmani, hanno attaccato villaggi abitati da agricoltori di etnia Tiv, in maggioranza cristiani. Sulla recente recrudescenza di attacchi dei Fulani verso agricoltori Tiv, che ha fatto oltre 30 morti, l’arcivescovo ha osservato “con sgomento la distruzione di vite umane e di proprietà, da parte di pastori Fulani e di uomini sconosciuti, con armi sofisticate”. Quanto sta accadendo ai cristiani “non sono semplici incidenti, è ma frutto dell’opera di jihadisti Boko Haram e jihadisti Fulani”, ha affermato, invitando le istituzioni a difendere la popolazione. “No si tratta di scontri – ha ribadito – ma di veri propri attacchi subìti dagli agricoltori cristiani”. (R.P.)

Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/04/27/nigeria:_bilancio_di_oltre_70_chiese_distrutte_nello_stato_di_benue/it1-686968
del sito Radio Vaticana

39 morti in Nigeria in scontri tra etnie

Come riporta Tgcom24, almeno 39 persone sono rimaste uccise e altre 30 gravemente ferite in nuovi scontri fra cristiani e musulmani nel centro della Nigeria.

Le violenze sono scoppiate durante un funerale. I partecipanti che seguivano il corteo funebre del leader di un’etnia locale, a maggioranza cristiana, hanno attraversato un quartiere musulmano a Wukari gridando slogan che gli stessi musulmani hanno giudicato provocatori. Da qui le proteste e i tafferugli.

FIRMATE LA PETIZIONE PER DIFENDERE I CRISTIANI DELLA NIGERIA

La Nord Corea e i cristiani perseguitati

Questo video testimonia il trattamento che i cristiani ricevono in Nord Corea.

Come risponde un cristiano alla persecuzione?

Leggete l’articolo de La nuova bussola quotidiana “Come risponde un cristiano alla persecuzione?

Nel Regina Coeli del 14 aprile e nell’omelia celebrata nella Messa per la sua prima visita a San Paolo fuori le Mura Papa Francesco ha proposto una riflessione sulla persecuzione dei cristiani, e sul modo in cui il cristiano deve rispondere a un mondo che ancora oggi tanto spesso lo perseguita. Ne è emersa una vera e propria spiritualità della persecuzione, molto appropriata per il tempo presente.

 

Testimonianza: “Noi cristiani in Siria non sappiamo se saremo vivi stasera”

Testimonianza di un sacerdote di Aleppo che racconta la tragica situazione dei credenti nel paese. «Sono state trovate delle macchine con bombe in prossimità delle chiese».

Leggetela su tempi.it

Contrassegnato da tag
Annunci